Ristoranti chiusi? La comunicazione è la chiave per reinventarsi!
COVID-19

Ristoranti chiusi? La comunicazione è la chiave per reinventarsi!

By Marzo 12, 2020 Aprile 2nd, 2020 No Comments

Con le misure introdotte dalle istituzioni per bloccare la diffusione del Coronavirus, tutti noi siamo stati chiamati ad un piccolo grande gesto di responsabilità: restare a casa. Come abbiamo sempre ripetuto, e lo diciamo ancora una volta, in questo momento la nostra attenzione deve essere rivolta alle fasce più deboli della nostra società, e se “basta” – almeno per quanto ci riguarda – rimanere a casa per proteggerci e proteggerle siamo sicuri che ognuno di noi può fare la propria parte.

Per il mondo della ristorazione la chiusura del servizio diretto al pubblico è inevitabilmente una piccola battuta d’arresto; ma questa situazione sembra anche essere l’opportunità per ripensare la propria offerta e la strategia di comunicazione e visibilità del proprio brand. In momenti come questi dopotutto è fondamentale sapersi reinventare!

Ecco quindi alcune strategie di comunicazione per ripensare la comunicazione del tuo locale in questo periodo di (semi) inattività.

Comunica tempestivamente la chiusura ai tuoi clienti

Se hai deciso di chiudere la tua attività (sospendendo quindi anche le attività di delivery) fino a data da destinarsi la prima cosa da fare è comunicarlo ai tuoi clienti attraverso le piattaforme che utilizzi di più. 

Approfitta di questo periodo di chiusura per ripensare al tuo menù, alla tua carta dei vini o a nuove creazioni culinarie e punta sul comunicare ai tuoi clienti quello che li aspetterà una volta che tutto questo sarà finito. Continuare a rimanere attivo, soprattutto sui social media, ti permetterà di creare un legame anche emotivo tra il tuo locale e la tua clientela. L’obiettivo è far sì che una volta che potremo tutti tornare ad uscire di casa, venire al tuo locale sarà visto come qualcosa di atteso da tanto tempo!

Pasticceria Adolfo Stefanelli già ci stuzzica facendoci pensare ai suoi dolci di Pasqua

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pasticceria Adolfo Stefanelli (@pasticceriaadolfostefanelli) in data:

Mentre Atelier De Nerli ci prepara già ai nuovi sapori della primavera

 

Semaforo verde per il food delivery

Per i tuoi clienti la prospettiva di rimanere in casa sembrerà meno deprimente con la speranza di poter contare sul food delivery. Assicurati che l’intero funzionamento del tuo locale e il tuo staff si adeguino alle norme igienico-sanitarie suggerite suggerite dalle istituzioni. Ti consigliamo, inoltre, di tenere monitorate le pagine social delle aziende di delivery che utilizzi per le consegne del tuo locale in caso di avvisi o aggiornamenti sul servizio. 

Non dimenticare di metterti sempre nei panni del cliente: in queste settimane di incertezza, comunicare contribuire alla diffusione di informazioni corrette è fondamentale. Per questo non esitare a spiegare ai tuoi clienti tutte le misure che stai prendendo per garantire la sicurezza di tutto il processo di delivery!

Prendi spunto da Trattoria La Rava e La Fava:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trattoria LaRavaelaFava (@clarissa_laravaelafava) in data:

O da Mana Poke Bar:

 

#IoCucinoaCasa

Un’idea semplice, ma di grande risonanza! Dal momento che la maggior parte dei tuoi clienti è a casa, perché non spingerli a replicare le tue ricette in cucina? D’altronde se non possono andare al ristorante, il ristorante deve andare da loro. In molti hanno già adottato questa strategia e basta davvero poco: uno smartphone, il tuo account Instagram e… la lista degli ingredienti ovviamente!

 

Promuovi una comunicazione anti-spreco

Mai come in queste settimane è fondamentale promuovere consapevolezza sulle attività anti-spreco, per evitare che cibo acquistato e ormai in fase di preparazione vada sprecato. Se hai in programma di chiudere, fai un veloce check delle cose deperibili che potresti avere in stock e non esitare ad invitare i tuoi clienti a ritirare le rimanenze. Utilizzi app anti-spreco come TooGoodToGo? Ricorda di aggiornare l’orario di servizio in caso di modifiche!

Ben fatto Pizzeria Marì Seregno:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Come annunciato, da oggi entrambi i punti vendita di Marì resteranno chiusi fino al 3 aprile compreso. Dato che è fondamentale ridurre il più possibile gli spostamenti e le uscite di casa, oggi abbiamo deciso di dedicare l’ultimo servizio del pranzo alla consegna gratuita di pizze, verdura, dolci e tutto ciò che ci era possibile distribuire al vicinato di Marì a Seregno. In un periodo complicato e delicato come questo, riteniamo che sia fondamentale rispettare alla lettera le direttive dell’ultimo decreto, motivo per cui abbiamo cercato-nel nostro piccolo-di evitare di esporre a rischi inutili i nostri clienti. Quello del pranzo a Seregno è stato l’ultimo servizio per le settimane a venire. Ci rivediamo ad aprile e-ne siamo sicuri- #andràtuttobene 🍕💪

Un post condiviso da Marí (@pizzeriamari_milano) in data:

Queste sono ovviamente solo alcune delle iniziative che potete mettere in atto in questo periodo di emergenza. Noi di Tiller cogliamo ancora una volta l’occasione per dirvi “Tenete duro”, ne usciremo presto, ne usciremo insieme. 💙