INAIL: Raccomandazioni per parrucchieri e estetisti - Tiller Systems
COVID-19

INAIL: Raccomandazioni per parrucchieri e estetisti

By Maggio 14, 2020 No Comments

In questi giorni sono state pubblicate dall’INAIL, l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, due importanti documenti contenenti le raccomandazioni per la ripresa di ristoranti, bar, stabilimenti balneari, parrucchieri e estetisti.

L’obiettivo dello studio sviluppato insieme all’Istituto Superiore di SanitĂ , come riporta il comunicato dell’INAIL, è quello di “garantire la ripresa delle attivitĂ , successiva alla fase di lockdown, assicurando allo stesso tempo la tutela della salute dei lavoratori e dell’utenza.” Ovviamente, le raccomandazioni non si sostituiscono alle norme legislative emanate nelle scorse settimane, e che saranno emanate nelle prossime; ma si pongono come utile integrazione per capire come organizzarsi per contenere la diffusione del virus e tutelare la salute di lavoratori e consumatori.

In questo articolo vediamo le maggiori raccomandazioni INAIL per parrucchieri e estetisti!

Leggi qui le raccomandazioni per ristoranti, bar e stabilimenti balneari!

INAIL: Raccomandazioni per parrucchieri e estetistiRaccomandazioni per parrucchieri e barbieri

Misure organizzative

Secondo l’INAIL “una buona programmazione di tutte le attivitaĚ€ e dei tempi medi occorrenti per i trattamenti eĚ€ necessaria per garantire la sostenibilitaĚ€ delle attivitaĚ€ quotidiane. Ove possibile, giaĚ€ in fase di prenotazione, eĚ€ necessario predeterminare i tipi di trattamento richiesti per ciascun cliente. CioĚ€ eĚ€ fondamentale per ottimizzare i tempi di attesa e per la prevenzione di ogni forma di affollamento.”

Ancora “si possono riorganizzare gli spazi interni sfruttando tali aree per le fasi di attesa tecnica (ad esempio, tempo di posa del colore) e potranno essere utilizzate barriere separatorie fra aree e postazioni al fine di mitigare il rischio (in particolare per le aree lavaggio).” L’INAIL suggerisce inoltre di “eliminare riviste ed ogni altro oggetto che possa essere di utilizzo promiscuo nel locale.”

Prenotazione, accoglienza e conclusione del servizio

Come sempre “le attivitaĚ€ avvengono esclusivamente su prenotazione, previo appuntamento on-line o telefonico. In fase di prenotazione, il gestore provvederaĚ€ ad informare il cliente circa la necessitaĚ€ di osservare le misure di igiene personale (ad esempio, lavaggio della barba) prima di recarsi al locale per il trattamento.”

L’INAIL suggerisce anche misure di consegna degli oggetti personali, prevedendo che i gestori mettano a disposizione dei clienti “all’ingresso una borsa/sacchetto individuale monouso per raccogliere gli effetti personali del cliente da restituire al completamento del servizio.”

Svolgimento del trattamento

“I trattamenti di taglio e acconciatura devono necessariamente essere preceduti dal lavaggio dei capelli. Ed “è obbligatorio l’utilizzo di mascherine da parte del cliente a partire dall’ingresso nel locale e ad eccezione del tempo necessario per l’effettuazione di trattamenti che lo inibiscano (ad es. cura della barba).”

Ai gestori è consigliato “fornire al cliente durante il trattamento/servizio una mantella o un grembiule monouso ed utilizzare asciugamani monouso; se riutilizzabili, devono essere lavati ad almeno 60°C per 30 minuti. Una volta utilizzati debbono essere posti e conservati in un contenitore con un sacco di plastica impermeabile poi chiudibile e che garantisca di evitare i contatti fino al momento del conferimento e/o del lavaggio.” Si dovrĂ  inoltre “privilegiare la conversazione con il cliente tramite lo specchio e svolgere le procedure rimanendo alle spalle del cliente in tutti i casi possibili.”

INAIL: Raccomandazioni per estetisti e centri di bellezza

Raccomandazioni per estetisti e centri di bellezza

Come sostiene l’INAIL “l’attivitaĚ€ di un centro estetico presenta caratteristiche diverse da quella del barbiere e parrucchiere anche se in entrambi si lavora a distanza ravvicinata dai propri clienti. L’estetista lavora in ambienti generalmente singoli e separati (cabine) e le prestazioni tipiche comprendono giaĚ€ misure di prevenzione del rischio da agenti biologici alle quali ci si deve attenere rigorosamente nello svolgimento della normale attivitaĚ€ professionale.”

Fatte salve le raccomandazioni per i parrucchieri valide anche per estetisti e centri di bellezza, ecco alcune misure specifiche da considerare:

  • Durante i trattamenti estetici, i pannelli della cabina dovranno essere chiusi.
  • Nel contesto dell’attuale emergenza sanitaria dovranno essere adottate specifiche misure soprattutto per le operazioni di cura del viso, incluse quelle di micro-pigmentazione; in particolare, per i trattamenti del viso che implicano l’uso di vapore, si devono prevedere, ove possibile, operazioni alternative. Tali trattamenti potranno essere effettuati solo in locali fisicamente separati, che devono essere arieggiati al termine di ogni prestazione.
  • Sono inibiti, ove presenti, l’uso della sauna o del bagno turco, come anche quello delle vasche idromassaggio.
  • Prima di far entrare il cliente successivo, bisogna garantire il ricambio di aria nella cabina il piuĚ€ possibile in modo naturale aprendo le finestre, oppure meccanicamente.

Come devono comportarsi i lavoratori

Il documento prevede anche raccomandazioni specifiche per i lavoratori, sia parrucchieri che estetisti. Oltre all’uso della mascherina e dei guanti monouso per ogni cliente, si dovrĂ  associare “visiere o schermi facciali rispondenti ai requisiti previsti dalla norma tecnica di riferimento UNI EN 166:2004, ovvero quelli autorizzati in deroga, ai sensi della normativa vigente per l’emergenza COVID-19, per le attivitaĚ€ di cura del viso e della barba” o, per gli estetisti “per le attivitaĚ€ di cura del viso che prevedono l’utilizzo di vapore e/o generazione potenziale di aerosol”

Inoltre “particolare attenzione dovraĚ€ essere posta ai locali spogliatoi ed ai servizi igienici, in particolare prevedendo un’adeguata attivitaĚ€ di pulizia giornaliera degli stessi. In tali locali se dotati di finestre queste devono rimanere sempre aperte; se privi di finestre, gli estrattori di aria devono essere mantenuti in funzione per l’intero orario di apertura. Si consiglia di “indossare abiti da lavoro diversi da quelli di arrivo al lavoro o in alternativa mantella/grembiule monouso” e di “lavare regolarmente gli indumenti da lavoro con prodotti specifici ad una temperatura di almeno 60 C° e per un tempo di almeno 30 minuti.”

Clicca qui per scaricare le raccomandazioni INAIL per parrucchieri e estetisti!

L’INAIL conclude richiamando la necessitĂ  delle attivitĂ  di una comunicazione chiara e puntuale. Infatti “va richiamata la responsabilitaĚ€ dei clienti nell’osservazione delle misure igieniche e del distanziamento. Ogni messaggio comunicativo deve focalizzarsi sul senso di responsabilitaĚ€ e sulla consapevolezza del ruolo di ognuno alla conoscenza e al rispetto delle regole.”